Logo Indirizzo Arti Figurative Logo Corso Design

 

COME DEVO FARE PER ISCRIVERMI

Telefonare al Liceo Artistico di Treviso – via Santa Caterina n. 10, tel. 0422-543984 dalle ore 18 alle ore 21 dal lunedì al venerdì (consulta orario)
Oppure inviare un’e-mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per richiedere informazioni e concordare un appuntamento.

L’iscrizione avverrà, dopo un colloquio informativo con il prof. Pradella o la prof.ssa Dal Gallo, attraverso
la compilazione di un modulo predisposto ritirabile di persona la stessa sera del colloquio oppure scaricabile
al link sottostante.

L’iscrizione prevede il versamento di una quota annuale di contributo scolastico per spese di materiali e
segreteria, pari a 21,17 € di tassa erariale e 50,00€ di contributo scolastico volontario.

Gli indirizzi disponibili sono:
- Arti Figurative (discipline plastico-pittoriche)
- Design del prodotto

CHI PUO’ ISCRIVERSI

Adulti con il titolo di 3 media oppure con percorsi scolastici di scuola superiore non completati o con diplomi di altro indirizzo;

Ragazzi, a partire dai 16 anni, che dimostrano di non poter frequentare il corso diurno.

Adulti interessati alla sola frequenza di alcuni corsi.

DURATA DEL CORSO
Il corso ha la durata di 3 anni e si articola in periodi.

Il primo (corrispondente al 1° e 2° anno del corso diurno) consente l’ammissione al secondo periodo.

Il secondo (corrispondente al 3° e 4° anno del corso diurno) consente l’ammissione al terzo periodo. Il terzo periodo (corrispondente alla classe quinta) è finalizzato all’acquisizione del diploma di Liceo Artistico (indirizzo Arti Figurative oppure Design).
In caso di necessità è possibile concordare la frequenza del primo periodo in due anni, così come quella del secondo periodo. Il terzo periodo deve essere frequentato in un’unica annualità.

ORARIO SETTIMANALE

Di norma dal LUNEDÌ al VENERDÌ, dalle 18.00/18.30 alle 23.00/23.30 per gli studenti che non possono usufruire dei crediti scolastici; il monte ore è ridotto per gli alunni che possono dimostrare di aver già frequentato, con promozione, alcune materie in un istituto precedente.

COME OTTENERE INFORMAZIONI

Contattare il fiduciario del corso del serale Carlo Pradella (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

TITOLO RILASCIATO AL TERMINE DEL CORSO DI STUDI

“DIPLOMA DI LICEO ARTISTICO”, che consente l’accesso all’Università, all’Alta Formazione Artistica, al
mondo del lavoro.

 

Scarica Deplian Informativo

Modulistica Corso Serale

Guida ai servizi On-Line (Posta, Classroom e Registro Elettronico)



Dalla Tribuna di Treviso del 7 Novembre 2016
 Dalla Tribuna di Treviso - Lunedì 7 Luglio 2016 - Articolo di Alessanda Vendrame  Il bancario che sogna di fare lo scultore   Giovanni, 45 anni, di giorno è direttore di tre filiali, dopo cena studente. Alle serali anche l'imprenditore Efrem, 61 anni    Da ragazzo sognava di diventare scultore, magari anche pittore, di sicuro un artista. Eppure al momento di decidere quale mestiere fosse stato meglio fare da grande un diploma di ragioneria all'istituto Riccati di Treviso prima e una laurea in Economia e Commercio a Venezia Ca' Foscari dopo hanno avuto la meglio sull'arte.   Ma talento e passioni quando sanno di essere veraci difficilmente mollano la presa. Così è capitato anche a un direttore di banca - al lavoro tutti i giorni tra conti correnti e investimenti da tenere a bada - di riprendersi in mano matite, pennelli e scalpelli. E di tornare in classe tra i banchi di quel liceo rimasto fino a ieri solo un rimpianto.   Oggi Giovanni Maccarrone, 45 anni, trevigiano, nella vita direttore di tre filiali di Veneto Banca vive un sogno diventato realtà: il diploma di maturità artistica conquistato da due anni con voto 96 centesimi su cento e pure il percorso di approfondimento della sua passione, visto che quest'anno ha deciso di proseguire gli studi all'artistico per aggiungere al curriculum pure la specializzazione in Design multimediale.   «Fin da bambino mi ritrovavo a disegnare. La vena artistica c'era fin da allora. E' qualcosa che ha sempre fatto parte della mia famiglia» racconta Giovanni, «mio nonno che si chiamava Rosario, ed era siciliano di Acireale, dipingeva affreschi. Aveva imparato il mestiere a bottega. Avrei voluto seguire le sue orme. Ma quando è stato il momento ho scelto un'altra strada. Negli anni '80 erano tantissimi i giovani trevigiani che studiavano Ragioneria».   Bozzetti, sculture e acquarelli sono pronti a riprendersi la loro rivincita nella vita di Giovanni non hanno certo l'intenzione di fare a pugni con estratti conto e bilanci quotidiani del lavoro di ogni giorno: «La creatività propria dell'arte non è lontana dalle necessarie doti di problem solving che sono utili al lavoro del bancario» spiega.   Con il suo nuovo diploma Giovanni si è già cimentato in un corso di scultura tra i marmi di Carrara. E ha già  mente di aprire in città un atelier. Ma a mettere in pratica tutti i giorni al lavoro - questa volta nella sua fabbrica - le conoscenze di design che la sera si imparano tra i banchi di scuola c'è un altro studente dell'artistico serale, classe 1951. Efrem Bertolo, padre di tre figli di 35, 30 e 28 anni, piccolo imprenditore di San Vito di A1tìvole, è tornato tra i banchi di liceo a 61 anni. AI lavoro dal 1985 nel settore dell'abbigliamento per il ciclismo quest'anno a giugno è pronto a tagliare il traguardo dell'esame di maturità. Una tappa che da giovane ha dovuto lasciare per strada: «Da ragazzo avevo frequentato due anni di liceo classico in seminario. Ma non ho finito il ginnasio) racconta lo studente più anziano del liceo serale, «ho iniziato a lavorare dopo tre anni di scuola professionale nel '69. Negli anni del boom economico bastava avere un'idea e si poteva fare tutto. E io ho aperto la mia azienda per scelta. Ma dentro avevo ancora il desiderio di riprendere in mano gli studi. Quando mio figlio più grande si è iscritto all'università ho detto a me stesso: posso tornare a scuola anch’io»,  In fabbrica alle sei e mezza del mattino. In classe fino alle 11 e mezza la sera. La vita di uno studente
Leggi l'intero articolo